Operazione caravanini

Era già un po’ che volevo provare a fare il pane di pasta dura, ma visto il processo di cilindratura ho rimandato perché mi serviva una mezza giornata da dedicare e purtroppo o per fortuna il tempo libero è merce rara e preziosa qui.

Per questo ponte però, visto anche il tempo non troppo invitante, ho avuto modo di dedicarmici, con esiti… Perfettibili.

Premesso che ero pronta a fallimenti ben peggiori, per quel che mi riguarda è scoraggiante non aver ottenuto un pane perfetto dopo essermela menata per due ore con la macchinetta Imperia a stirare fettine di impasto poi arrotolate. Il fato avrebbe dovuto premiarmi con un risultato eccellente! Invece il panino si, è buono, si, è abbastanza compatto, però… Del caravanino ha poco.

E’ vero che ho dimenticato di fare l’incisione sopra, quindi è anche colpa della mia solita distrazione e probabilmente dell’inesperienza. Insomma, caro caravanino, per il momento ti appendo al chiodo, ma sappi che tornerò. Più agguerrita che mai.

La ricetta originale prevede una biga e un impasto, per cui si parte la sera prima con:

40 gr. di lievito madre
70 gr. di acqua
135 gr. di farina W 330

Il lievito madre si scioglie nell’acqua, poi si aggiunge la farina. Il tutto si lascia a fermentare una notte al chiuso e la mattina si reimpasta assieme a:

370 gr. di farina 0
50 gr. di farina di farro
265 gr. di acqua
16 gr. di sale fino
un cucchiaino di malto

Io ho sciolto lo starter nell’acqua e aggiunto malto + farine, poi in ultimo il sale.

Ho formato una palla che ho lasciato a rilassarsi per una mezzoretta, prima di dividerla in 10 palline che ho poi passato nella macchinetta Imperia (quella a manovella che alcuni chiamano la Nonna Papera) simulando la cilindratura. Dopo due passate e due ore circa, avevo ottenuto i miei piccoli simpatici caravanini che ho lasciato a lievitare per un’oretta scarsa e quindi infornato a 230 ° per i primi 10 minuti, poi abbassando a 200° e facendo cuocere per un’altra mezzora abbondante.

Il profilo buono del caravanino
Il profilo buono del caravanino
L'alveolatura compatta
L’alveolatura compatta
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...