Orata caramellata con patate allo zenzero

Ricetta scopiazzata da “Il Gatto Ghiotto” e più precisamente da qui. Semplice e di grande impatto, è semplicemente commovente nel gusto. Chiaramente molto dipende dalla qualità del pesce che si utilizza, ma penso che anche una ciabatta faccia sciato con quell’intigolino ghiotto che il gatto a sua volta tale ha pubblicato.

Ma veniamo a noi!

Ingredienti

Per la salsina:
1 cucchiaio di miele di acacia
2 cucchiai di salsa di soia
1/2 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di semi di senape gialla
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di paprika
1 cucchiaino di zenzero in polvere
olio evo
sale

2 orate

Per le patate:
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio di semi di senape neri
1 cipolla
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaino abbondante di zenzero in polvere
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
3 patate pasta gialla
sale

Per prima cosa sbollentare in acqua salata le patate per 10/15 minuti (la cottura dipende dalla dimensione; devono rimanere tenere, ma non essere sfatte. La cottura infatti terminerà in casseruola), quindi pelarle e tagliarle a cubetti.
Scaldare 1 cucchiaio d’olio in un tegamino e soffriggervi i semi di senape, la cipolla, l’aglio e lo zenzero. Unire i cubotti di patate e farle rosolare bene, quindi regolare di sale e peperoncino e lasciare sul fuoco fino a cottura ultimata.

Nel mentre, pulire e sfilettare le orate; accendere intanto il fuoco sotto la piastra che dovrà essere già in temperatura entro pochi minuti.
Quando il filetto è pronto e tamponato, preparare in un padellino una salsa con miele, concentrato di pomodoro, salsa di soia, semi di senape, zenzero e peperoncino. Quando i sapori si sono ben amalgamati, togliere dal fuoco, lasciar raffreddare un pochino e spennellare sui filetti di pesce. Disporre i filetti sulla piastra dalla parte della pelle, girarli velocemente finché non avranno formato una crosticina. Impiattare con le patate.

Squisitissimo e particolare!

La salsina in padella
La salsina in padella
image
Nella foto manca già un pezzo di pesce perché l’odorino che sprigionava appena impiattato era irresistibile. E anche per posare forchetta e coltello per realizzare questa foto ho dovuto impegnarmi al massimo con uno sforzo di volontà supremo ; )…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...