Simil-Gubana con impasto allo yogurt

Mio fratello un giorno parlando mi chiede di fargli la gubana, assaggiata in vacanza e mai più dimenticata. E io quando mi chiedono di mettere in uso la pasta madre non mi tiro mai indietro.

Così ho cercato una ricetta che mi convincesse e ovviamente quando ho visto che c’era su quella garanzia del blog Profumo di Lievito, già sapevo dove sarei andata a parare. Unico problema: avevo del kefir da impiegare a tutti i costi. Allora ho tenuto il ripieno della ricetta di Profumo di Lievito e l’ho applicato a un impasto di yogurt (che ho sostituito col mio kefir) espunta da Cappuccino e Cornetto, e più precisamente qui.

Eccomi così all’opera in una ricetta al solito ibrida e un po’ inventata, ma basata su due garanzie!

Per l’impasto al kefir
100 g di latte
semi di 1 bacca di vaniglia
125 g di kefir
120 g di pasta madre rinfrescata
50 g di zucchero
60 gr di burro
450 gr di farina 0
2 uova
1 pizzico di sale

Per il ripieno:
220 g uvetta
90 g rum
80 g mandorle
80 g noce
50g nocciole
30 g pinoli
100 g zucchero
1 cucchiaio miele
1 buccia di arancia grattuggiata
1 buccia di limone grattugiata
40 g burro
1 uovo
120 g di biscotti secchi
50 g arancia candita
50 g cioccolato fondente

Per decorare:
latte
uovo
codette colorate o zuccherini

Procedimento
Scaldare il latte con la bacca di vaniglia incisa e lasciare raffreddare.
Nella planetaria impastare la farina, la pasta madre spezzettata, il kefir e lo zucchero con la foglia. Aggiungere quindi anche il latte e il sale. Unire le uova una per volta, e quando la consistenza diventa più soda, sostituire con il gancio per incordare. Aggiungere da ultimo il burro morbido in più riprese. L’impasto è molto morbido: va tolto con un leccapentola dalla planetaria e lavorato su spianatoia infarinata, quindi lasciaot a lievitare in recipiente chiuso fino al raddoppio (per me circa 8 ore, ma dipende dalla prestanza della pasta madre e dalla temperatura in cucina).

Nel frattempo, preparare il ripieno: lasciare in ammollo l’uvetta nel rum una mezz’oretta, quindi frullare la frutta secca, poi aggiungere mano a mano il resto degli ingredienti, compresa l’uvetta scolata, sempre frullando. Io ho usato il Bimby che mi ha consentito di ottenere un bell’impasto collosetto e fine.

A prima lievitazione conclusa, stendere l’impasto, distribuire il ripieno, arrotolare diagonalmente (come viene mostrato nelle foto del blog Profumo di Lievito o in questo video) e acchiocciolare il filone ottenuto su se stesso. Lasciare lievitare nuovamente fino a raddoppio (altre 6 ore circa, per me; in realtà io volevo che i sapori si fondessero bene, per cui ho riposto la chiocciola in frigo mezza giornata e poi l’ho fatta lievitare durante la notte).
Prima di infornare, spennellare con latte e/o uova e distribuire gli zuccherini. Cuocere infine a 170° per 45 minuti (io ho fatto la prova stecchino).

img_1150 img_1152 img_1153 img_1155 img_1156 img_1157 img_1158

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...