Totani impeperonati in pentola a pressione

Ricetta del maritino.

Ingredienti:

3 peperoni (2 gialli, 1 rosso)

500 g totani

olio evo

mezza cipolla

1 rametto di rosmarino

1 bicchiere di vino bianco

2 foglie di alloro

un mazzetto di erba cipollina

peperoncino

rafano (polvere)
procedimento:

tagliare finemente la cipolla e rosolare assieme all’erba cipollina e all’alloro in olio a fiamma minima per circa 30 minuti in pentola a pressione scoperta.

Intanto, pulire i totani (separando i tentacoli dal corpo) e i peperoni (da tagliare a pezzi).

Dopo i primi 25 minuti, aggiungere i tentacoli tagliati a pezzetti grossolani e lasciare andare a fuoco minimo.

Tagliare i corpi dei totani a metà per il lungo ed eliminare la cartilagine. Aggiungere alla pentola i totani spostando sul fuoco più grande a fiamma viva per 30 secondi, quindi sfumare con il vino abbassando la fiamma.

Aggiungere il rosmarino (avendo spezzato il rametto in più parti).

Rosolare per alcuni minuti a fiamma bassa, insaporire con polvere di rafano e peperoncino (io ho usato il mio habanero, essiccato e polverizzato) e un bicchiere d’acqua.

Chiudere la pentola a pressione e cuocere 15 minuti dal fischio. Aprire, inserire i peperoni e riportare in temperatura per almeno 5 minuti dal fischio. 

Lasciare raffreddare a pentola chiusa, senza sfiatare.


Anelli di totano e carciofi gratinati al forno

Questa ricetta l’ho vista tanto per cambiare su Pinterest (precisamente qui) e mi sono subito sentita in dovere di provarla, anche se onestamente gli anelli di totano non sono il mio forte.

poiché avevo anche dei carciofi da fare, ho preparato una panatura unica per entrambi, come suggerito da la mia cucina creativa, aggiungendo al pane grattato un po’ di aglio, prezzemolo e scorza di limone (una roba divina!). Poi, già che lo avevo lì, ci ho messo pure un po’ di origano.

Il risultato mi ha soddisfatto, anche se ovviamente gli anelli non rimangono croccanti come quelli fritti.

Ingredienti X 2:

4 etti anelli di totano

2 carciofi

3 cucchiai di pane secco grattugiato

Aglio secco

Prezzemolo

Origano

Scorza di limone

Pulire i carciofi dalle foglie più esterne, dal gambo e dalla barbetta interna, lasciandoli a bagno per cinque minuti in una ciotola con acqua fredda e succo di limone. Io li ho tagliati in quarti.

Mescolare il pane grattugiato con la scorza di limone, origano, prezzemolo e aglio e passarvi uno alla volta i cuori di carciofo e gli anelli di totano, lavati e scolati.

Disporre in una pirofila ricoperta con carta da forno e lievemente oliata, quindi infornare a 180 gradi ventilati per 15 minuti. Trascorso questo tempo, sfornare, girare i totani e proseguire la cottura per altri 15 minuti più 5 finali sotto il grill.

img_1204 img_1205

Persico all’habanero orange, cumino e spezie

Ingredienti x2:

400 gr filetto persico
1 habanero Orange
Erba cipollina (1 ciuffo)
2 spicchi aglio
2 cucchiai olio evo
6 foglie salvia
1 cucchiaio semi cumino
1 bicchiere vino bianco

Scaldare a bassa temperatura l’olio nell’Wok, intanto tagliare l’erba cipollina e l’aglio a pezzi piccoli e mettere a cuocere. Aggiungere l’habanero tagliato a piccoli pezzi (compreso di semi).

DISCLAIMER: noi stiamo allenandoci per la sfida dell’indiano, 1 habanero intero con i semi non è per tutti. La quantità di peperoncino è da variare a propria sopportazione.

Lasciare insaporire per circa 5 minuti mescolando. Spegnere il fuoco, aggiungere la salvia e coprire la padella: tempo di riposo minimo 1h.

Intanto preparare il persico: tagliare il filetto a cubotti e passarli nella farina. Poiché serve a mantenerli compatti meglio usare una semplice 0 (o 00 addirittura!). Assieme alla farina mescolare il cumino.

Riaccendere il fuoco e rosolare i pezzi di pesce sui due lati principali fino a iniziale doratura a fuoco vivo; sfumare con il vino abbassando la fiamma, ma lasciando sempre scoperto. Mescolare con attenzione di quando in quando.

Quando sarà evaporato buona parte lasciando un poco di crema (circa 10 minuti), spegnere e far riposare per 2/3 minuti coperto prima di servire.

image image

Orata all’orientale

Ricetta arrubata alla Coop. Nel senso che era su un volantino di quelli che ti rifilano quando compri il pesce. E per una volta era intrigante!

Ingredienti x2:
2 orate piccole
1 tocchetto di zenzero
1 cipollotto
2/3 cucchiai di salsa di soia
Scorza di limone grattugiata

Procedimentamento:
Sfilettare le orate e disporle in una teglia ricoperta con della carta stagnola (abbondante, da poter rimboccare sui lati per richiudere, stile cartoccio). Ricoprire con salsa di soia, cipollotto affettato, zenzero a pezzetti e una spolverata di scorza di limone a finire. Infornare a forno caldo e cuocere a 180° statico per 20 minuti circa.

image image

Mishui (insalata fredda di peperoni con tonno)

Ricetta di casa, arrubata alla mia bff.

Ingredienti x 6:
3 peperoni gialli
3 peperoni rossi
4 cipolle
320 g tonno in scatola
olive a piacere
capperi a piacere
1 barattolo di giardiniera medio
1 presa origano secco
pomodori a piacere

Pulire e tagliare a falde i peperoni disponendoli su una leccarda (protetta con carta stagnola o da forno) con la pelle rivolta verso l’esterno assieme alle cipolle tagliate a metà e infornare a 180° per una quindicina di minuti. Se la pelle non fosse gonfiata, dare ancora 2 minuti di grill, prestando attenzione a non farli abbrustolire troppo e ruotando eventualmente il tegame per far arrostire in modo più o meno omogeneo tutte le fettine. Sfornare e lasciar intiepidire o raffreddare onde evitare di perdere le impronte digitali.
Liberare i peperoni dalla pelle e raccoglierli in uno scolapasta lasciandoli ad asciugare per almeno mezz’oretta. Tagliare poi a strisce e raccogliere in una zuppiera dove andremo a inserire la giardiniera e le cipolle tritate, il tonno scolato, olive e capperi a piacere (per me un pugnetto dell’uno e dell’altro). A piacere, si potrà completare la mishui con pomodorini o cipolle sott’aceto.
Condire con una generosa manciata di origano, olio e, se piace, aceto.
Girare per amalgamare bene il contenuto e riporre in frigo due giorni, prima di consumare. Più sta lì e meglio è. Beh, magari un anno no. Ma tanto, guardiamoci in faccia, di solito non vede l’alba del giorno dopo…

image image image image image

Palamita impanata con pomodorini allo zenzero

Per la ricetta, ho tratto spunto da Cookaround e precisamente da qui.

Ingredienti x2:

2 cucchiai olio EVO

600 g palamita in tranci

Farina di mais

4 Pomodori

2 cm zenzero tagliato a tocchetti

1 cucchiaino salsa di soia

 

Sciacquare e impanare i tranci di palamita con la farina di mais.

Soffriggere 1 cucchiaio di olio, lo zenzero e aggiungere i pomodori tagliati a cubetti. Cuocere a fuoco prima vivo, poi lento per almeno 10 minuti. A fine cottura irrorare con la salsa di soia.

A parte, in una padella, scaldare 1 cucchiaio di olio e rosolarvi le fette impanate.

Il pesce va cotto a seconda dello spessore dei tranci: i miei che erano piuttosto alti, han cotto circa 10 minuti (5 per lato).

Impiattare con la salsa di pomodori allo zenzero e servire.

Impressioni: lo zenzero io non l’ho sentito quasi.

I pomodorini in cottura nel wok
I pomodorini in cottura nel wok
Le fette impanate
Le fette impanate
In padella
In padella

image image

Filetti di cernia ai funghi con i kiwi (!)

Ingredienti x 4:
600 g filetti di cernia
1 cipolla
1 cucchiaio olio EVO
100 g funghi champignon
prezzemolo
1/2 kiwi
1/2 bicchiere vino bianco
3 foglie alloro

Scaldare il forno a 180° ventilato. Soffriggere la cipolla tagliata a pezzetti molto piccoli con olio e alloro a fuoco leeeeeentissimooooo per circa 30 minuti. Aggiungere quindi 15 g funghi sminuzzati a coltello e se necessario una tazzina di acqua; cuocere alcuni minuti e integrare il resto dei funghi (ne lasciamo da parte qualche piccola fetta) cuocendo scoperto.
Al contempo infornare i filetti di cernia conditi con un pochino di olio, alcuni pezzi di funghi (quelli tenuti da parte), il kiwi tagliato a pezzetti, vino e del prezzemolo. Noi abbiamo cotto per 10 minuti, ma potevano bastarne 7 o 8.
Togliere l’alloro dal mix cipolla funghi e versare questi ultimi sui filetti di cernia.
Abbassare il forno a 160° statico e cuocere il tutto per altri 8/10 minuti.
Impiattare e servire caldo.

Funghi e kiwi
Funghi e kiwi
Funghi e cipolla senza kiwi (ne abbiamo fatto due versioni, di cui una fruit-free perché non eravamo certi che l'abbinamento piacesse ai commensali...)
Funghi e cipolla senza kiwi (ne abbiamo fatto due versioni, di cui una fruit-free perché non eravamo certi che l’abbinamento piacesse ai commensali…)
I filetti in forno
I filetti in forno

image_9 image_10 image_7